Giorgio Marconi inizia la sua carriera di gallerista nel 1965 quando, abbandonati gli studi di Medicina, decide di aprire il primo spazio espositivo, Studio Marconi in via Tadino 15, al posto dell’atelier di cornici di suo padre Egisto. Grazie al padre, corniciaio dei maggiori artisti italiani degli anni ’30, Giorgio Marconi entra in contatto con molti artisti, tra cui Valerio Adami, Enrico Baj, Lucio Del Pezzo, Arnaldo e Giò Pomodoro, Emilio Tadini. I frequenti viaggi, soprattutto a Londra, gli permettono di stringere importanti sodalizi, come quello con il famoso mercante d’arte Robert Fraser e con gli artisti della Pop Art inglese: Peter Blake, Patrick Caulfield, Richard Hamilton, David Hockney, Eduardo Paolozzi, Joe Tilson. Studio Marconi diventa in breve tempo un punto di riferimento importante nella vita culturale di Milano, promuovendo giovani artisti alle prime esperienze, parallelamente a mostre di maestri già affermati, sia a livello nazionale che internazionale. Tra questi figurano Joseph Beuys, Alberto Burri, Alexander Calder, Willem De Kooning, Lucio Fontana, Joan Miró, Francis Picabia, Antoni Tápies. Non limitandosi alla semplice esposizione delle opere, sin dai primi anni di attività, Marconi si avvale della collaborazione di valenti studiosi, critici e giornalisti (tra cui Giulio Carlo Argan, Natalia Aspesi, Giorgio Bocca, Gillo Dorfles, Umberto Eco) per realizzare pubblicazioni periodiche, antesignane degli odierni magazines di settore, e fare il punto sullo stato dell’arte del momento. L’attività di Studio Marconi si assimila dunque più a quella di uno spazio museale che di una galleria privata.  Molti sono i debutti a Milano di protagonisti come Man Ray (1967) con il quale Giorgio Marconi stringe un solido rapporto di amicizia e Louise Nevelson (1973) per cui cura e promuove numerose mostre in Italia e all’estero. Quando Studio Marconi chiude, nel 1992, ha al suo attivo oltre 180 mostre. Nel 2004 Giorgio Marconi costituisce la Fondazione Marconi con l’obiettivo di continuare a lavorare con i suoi artisti, gestire le loro opere, collaborare con le istituzioni e promuovere mostre importanti in Italia e all’estero.
Mostre
1989-1979
1979-1969
1969-1965
Menuhistory
1/1
GióMARCONI