Fondazione Marconi
Arte moderna e contemporanea
via Tadino 15, 20124 Milano
Tel. +39 02 29 41 92 32
Fax +39 02 29 41 72 78 - info@fondazionemarconi.org

Orario:
lunedì - venerdì
10 - 13 e 15 - 19
 
Avviso ai visitatori:
venerdì 16 giugno l’orario pomeridiano della Fondazione Marconi
sarà dalle ore 14,00 alle 17,00
 
 

 
 

 
 
 
 

foto
Albo dell'avventura n°1 Orizzonte Fontana, 2010, acquerello su carta, 54x35,8 cm,
foto
Albo dell'avventura n°2 La Guarigione, 2010, acquerello su carta, 54x35,8 cm ,
foto
Albo dell'avventura n°3 La Conversione, 2010, acquerello su carta, 54x35,8 cm,
foto
Croce Fontana, 2010, fotografia, 60x50,7 cm , taglio a croce su tela
foto
La Guarigione, 2010, fotografia, 79x120 cm, opera originale Concetto Spaziale di Lucio Fontana, sotto la neve
foto
Monocromo, 2009, fotografia, 105,9x70,8 cm, colore a tempera su atelier, artista e strumenti di pittura
foto
Monocromo, 2009, fotografia, 105,9x70,8 cm, colore a tempera su atelier, artista e strumenti di pittura
foto
Orizzonte Fontana, 2008, tre fotografie , due da 31x41,8 e una da 65x48,5 cm, taglio su tela, all'alba
foto
Direzione Fontana, 2010, fotografia, 79x120 cm, opera originale Concetto Spaziale di Lucio Fontana, sulla neve
Marcello Jori
Gli Albi dell'Avventura
Inaugurazione: 12 gennaio 2011 ore 18
Durata: 13 gennaio - 12 febbraio 2011
Orari: martedì-sabato h 10,30-12,30 e 15,30-19,00
Ingresso gratuito
Ufficio stampa: Cristina Pariset, tel. 02-4812584 fax 02 4812486 cell 348-5109589
cristina.pariset@libero.it
La Fondazione Marconi ha il piacere di annunciare la mostra Gli Albi dell'Avventura di Marcello Jori. Fin dagli inizi della sua attività, Marcello Jori è stato uno tra i protagonisti della scena artistica italiana, perseguendo un progetto di arte totale che lo ha portato a mescolare felicemente la fotografia con la pittura, la scrittura, la musica, il design e il fumetto. E' alla sua terza personale presso lo spazio di Via Tadino, dove aveva già esposto nel 1986 e nel 1989. Questa volta l'artista presenta nuove fotografie a colori, tutte realizzate tra il 2008 e il 2010, e gli Albi dell'Avventura, tre libri scritti e illustrati all'acquerello dall'artista stesso. Le opere, esposte al primo piano della Fondazione, inaugurano una fase nuova nel complesso percorso dell'artista: quella dell'Avventura. Si tratta di una fase successiva rispetto alle opere ormai storiche esposte negli anni settanta dalla Galleria De Foscherari di Bologna, dallo Studio Morra di Napoli e dalla Gam di Bologna nel 2000 e attualmente riproposte alle gallerie De Foscherari e Giorgio Persano dalla curatrice Elena Re. Dopo essersi dedicato negli anni '80 e '90 principalmente alla pittura, Jori torna quindi alla fotografia. Nelle opere esposte è la sua identità di artista ad essere al centro della scena come in Monocromo, 2009. Ma anche quella di Lucio Fontana, la cui presenza diventa tangibile, attraverso la sua stessa opera come in La guarigione, 2010 e in Direzione Fontana, 2010. La fotografia diventa così per Jori il tramite per dare corpo al pensiero come in Orizzonte Fontana, 2008 oppure La Conversione, 2010.
«Non sono mai stato un fotografo quando ho utilizzato la fotografia. Negli anni '70 si fotografavano soprattutto pensieri e lo scatto serviva a condurre altrove, rispetto alle immagini rappresentate. Si trattava di testimonianze di azioni, dichiarazioni di intenti. Si faceva del non professionismo e dell'ignoranza del mezzo, un grande valore. Si indagava la musica senza essere musicisti, si trattava la scrittura come pittura parlante, si usava la critica d'arte per fare arte. Quando sono arrivato io, si preferiva guardare, piuttosto che il mondo, la sua rappresentazione. L'intelligenza e il progetto prendevano il sopravvento sull'involucro». MARCELLO JORI, 2007.
Per l'occasione, a commento delle opere fotografiche esposte, saranno presentati gli Albi dell'Avventura. Tre libri di grandi dimensioni scritti e illustrati a mano dall'artista stesso nei quali si raccontano pensieri, emozioni e avventure vissute dall'artista per raggiungere l'opera. Negli Albi l'artista raccoglie i frutti di un'attività eclettica, quel progetto di arte totale perseguito fin dagli inizi. I tre Albi realizzati per la fondazione Marconi in copia unica saranno editati per l'occasione dalla casa Editrice Skira. I tre Albi saranno letti dall'artista in tre appuntamenti durante la durata della mostra.