Fondazione Marconi
Arte moderna e contemporanea
via Tadino 15, 20124 Milano
Tel. +39 02 29 41 92 32
Fax +39 02 29 41 72 78 - info@fondazionemarconi.org

Orario:
martedì - sabato
10 - 13 e 15 - 19
 
Orario estivo:
dal 29 giugno all'11 settembre 2015:
lunedì - venerdì, 10 - 13 e 15 - 19
 
chiuso dall’8 al 23 agosto
 
 
 
 
PRIVACY / COOKIE POLICY

Giuseppe Uncini
foto
Cementarmato, 1960, cemento, ferro e rete metallica / cement, iron and metal mesh, 171 x 97 cm
foto
Cementarmato, 1961-1962, cemento, ferro e rete metallica / cement, iron and metal mesh, 200 x 110 cm
foto
Ferrocemento n. 6, 1963, cemento e ferro / cement and iron, 42,5 x 42,5 cm
foto
Ferrocemento bianco, 1965, cemento, ferro e rete metallica, 40 x 40 cm,
foto
Colonne con ombra, 1969, mattoni e cemento / bricks and cement, 205 x 70 x 25 cm e
205 x 42 x 20 cm
foto
Grande muro con ombra, 1970, polistirolo e cemento bianco / polystyrene and white cement, 55 x 40 x 20 cm
foto
Ombra di due parallelepipedi T.5, 1973, cemento e laminato legno / cement and laminated wood, 220 x 105 x 45 cm
foto
Ombra di un quadrato, 1974, cemento e laminato legno / cement and laminated wood, 96 x 91 x 15 cm
foto
Ombra di tre cubi M.26, 1975, cemento e laminato legno / cement and laminated wood, 59 x 140 x 35 cm
foto
Ombra di due parallelepipedi M.27 bianco, 1975, cemento e laminato legno / cement and laminated wood, 95 x 105 x 14 cm
foto
Dimore, 1982, cemento e ferro / cement and iron, 253 x 184,5 cm
(Fabriano 1929 - Trevi 2008)

Trasferitosi a Roma dal 1953 è tra i promotori del Gruppo 1 nel 1962. Sperimenta materiali non convenzionali, quali ferro e cemento armato per la realizzazione di opere di grandi dimensioni. Sviluppa nel tempo numerosi cicli di opere, come le “Terre”, i “Cementarmati”, i “Ferrocementi”, le “Ombre” e i “Muri d’ombra”, gli “Spazi di ferro” fino agli ultimi “Artifici”. Costante è il suo interesse per il disegno come pratica ricorrente nella concezione e formulazione stessa dell’opera. Nel 1988 gli viene assegnato il premio Feltrinelli per la scultura.

Uncini moved from Fabriano to Rome in 1953, where in 1962 he became one of the founding members of Gruppo 1. He began to experiment with unconventional materials, such as iron and concrete, which he used in the construction of large-scale works. Creating numerous cycles of works, among them “Earth works”; “Reinforced Concrete works”; “Iron and Cement works”; “Shadows”; “Walls of Shadow”; “Iron Spaces”; and his last, “Artifici”.
His interest in drawing was of primary importance and a constant, central feature in the conception and planning of his work. In 1988 he was awarded the Feltrinelli prize for sculpture.

Principali collezioni pubbliche
Works in major public collections
Galleria d’Arte Moderna, Bologna - Galleria Comunale d’Arte, Cagliari Museo Civico Giovanni Fattori, Villa Mimbelli, Livorno - Museo del Novecento, Milano - Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma - Castello di Rivoli, Fondazione De Fornaris, Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino - Museo d’Arte
Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto - Museum Bochum - Museum Lehmbruck, Duisburg - Landesmuseum Joanneum, Graz - Zentrum für Kunst und Medientechnologie Karlsruhe - Städtische Kunsthalle Mannheim - Museum Boijmans van Beuningen, Rotterdam - Galerie der Stadt, Stoccarda - Nijgata City Art Museum, Nijgata, Hakone Open-Air Museum, Kanagawa-Ken, Tokio.