Fondazione Marconi
Arte moderna e contemporanea
via Tadino 15, 20124 Milano
Tel. +39 02 29 41 92 32
Fax +39 02 29 41 72 78 - info@fondazionemarconi.org

Da lunedì a venerdì
10 - 13 / 15 - 19
 

Hsiao Chin
foto
Pittura DK, 1959, olio su tela, 95,5 x 80 cm,
foto
TY-88, 1960, olio su tela, 70 x 90 cm,
foto
POH-113, 1961, olio su tela, 160 x 130 cm,
foto
Quando c'è affinità non c'è distanza, 1961, acrilici su tela, 200 x 145 cm,
foto
Senza titolo, 1963, inchiostri su tela, 80 x 70 cm,
foto
Raggi interiori, 1964, inchiostri su tela, 80 x 120 cm,
foto
Meditazione, 1964, acrilici su tela, 90 x 116 cm,
foto
I dischi volanti, 1967, acrilici su tela, ¯ 200 cm,
foto
Round, 1969, acrilici su tela, ¯ 90 cm,
foto
La primavera di Bejing-5, 1989, acrilici su tela, 75 x 100 cm,
foto
Omaggio ad una studentessa di Tienanmen, 1989, acrilici su tela, 75 x 90 cm,
foto
Il giardino eterno-19, 1992, acrilici su tela, 146 x 198 cm,
Figlio di Hsiao Yu-mei, un pioniere della musica moderna cinese e fondatore nel 1927 del Conservatorio di Shanghai, Hsiao Chin nasce a Shanghai nel 1935. Dopo aver frequentato la facoltà di Belle Arti a Taipei fonda il gruppo Ton Fan di arte contemporanea, vincendo nello stesso anno una borsa di studio a Barcellona. Alla fine degli anni cinquanta si trasferisce a Milano, dove stabilisce contatti con artisti d'avanguardia (Fontana, Crippa, Manzoni). E' il fondatore di tre movimenti internazionali d'arte dei quali lui stesso ne rappresenta una sintesi felice: nel 1961 nasce Punto, volto a considerare l'arte come mezzo di trascendenza dei limiti umani rispetto all'infinito; nel 1978 compare Surya (Sole), una ricerca della trascendenza partendo da una umile consapevolezza dei limiti umani; ed infine Shakti (Energia), del 1989, movimento artistico che attinge l'energia creativa dall'Universo stesso. Dopo soggiorni a Londra, Parigi e New York, nel 1971 torna Milano e incomincia a dedicarsi all'insegnamento (prima all'Istituto Europeo di Design di Milano, poi all'Accademia di Belle Arti a Urbino e dal 1985, fino al 1997, insegna incisione all'Accademia di Brera a Milano). Nel 1988 lo Studio Marconi gli dedica una prima grande retrospettiva. La maturità artistica e poetica viene raggiunta da Hsiao Chin a partire dagli anni novanta con quattro grandi cicli di opere chiamate: il Passaggio alla Grande Soglia, sublimazione della morte della figlia Samantha, Verso il Giardino eterno, L'inizio della Rinascita ed Evoluzione cosmica.