Fondazione Marconi
Arte moderna e contemporanea
via Tadino 15, 20124 Milano
Tel. +39 02 29 41 92 32
Fax +39 02 29 41 72 78 - info@fondazionemarconi.org

Da martedì a sabato
10 - 13 / 15 - 19
 
 
 

Mario Schifano
foto
Tutta propaganda, 1963, smalto su cartone kraft intelato, 199 x 118 cm,
foto
Futurismo rivisitato, 1966, smalto e spray su tela e perspex, 174 x 336 cm,
foto
Paesaggio TV, 1970, aniline su tela emulsionata e perspex, 115 x 145 cm,
foto
Camminare, 1965, smalto e grafite su tela, 200 x 300 cm,
foto
Tempo moderno, 1962, smalto su carta intelata, 180 x 160 cm,
foto
Corpo in moto e in equilibrio, 1963, acrilici su tela, 200 x 300 cm,
foto
Congeniale, 1960, smalto su carta intelata, 100 x 150 cm,
foto
Quadro per un avvenimento, 1964, smalto su carta intelata, 200 x 200 cm,
foto
Bisogna farsi un'ottica (Franco Angeli Tano Festa), 1965, smalto e grafite su tela, 160 x 300 cm,
foto
Tuttestelle, 1967, smalto e spray su tela e perspex, 200 x 400 cm,
foto
Compagni compagni, 1968, smalto e spray su tela e perspex, 200 x 300 cm,
(Homs, Libia 1934 - Roma 1998)

Dalla fine del 1950 inizia a dipingere tele di matrice informale per poi dedicarsi a opere monocrome con smalti industriali. Adotta una grande varietà di tecniche dalla pittura al collage, dalla fotografia al video. Invitato alla Biennale di Venezia nel 1964, l’anno seguente partecipa alla mostra inaugurale dello Studio Marconi, di cui diventa uno degli artisti più rappresentativi. Le sue opere vengono esposte in numerose mostre in Italia e all’estero e fanno parte di importanti collezioni in musei pubblici e privati.

At the end of the 1950s, Schifano began painting in the “informal art” style, later moving on to the creation of monochrome works using industrial enamels. The wide variety of techniques he employed included painting, collage, photography and video. In 1964, he was invited to exhibit at the Venice Biennale, and the following year took part in Studio Marconi’s inaugural exhibition, becoming one of the Studio’s most representative artists.
His work has been widely exhibited, both in Italy and internationally, and is included in important international museums and private collections.

Principali collezioni pubbliche
Works in major public collections
Gallerie d’Italia, Museo del Novecento, Milano - CSAC Centro Studi e Archivio della Comunicazione, Parma - Parco Museo Santa Barbara, Mammola, Reggio Calabria - Palazzo Magnani, Reggio Emilia - Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Museo d’Arte Contemporanea, Roma - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino - Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto - National Gallery of Australia, Canberra.