Fondazione Marconi
Arte moderna e contemporanea
via Tadino 15, 20124 Milano
Tel. +39 02 29 41 92 32
Fax +39 02 29 41 72 78 - info@fondazionemarconi.org

Orario:
martedì - sabato
10 - 13 e 15 - 19
 
Orario estivo:
dal 29 giugno all'11 settembre 2015:
lunedì - venerdì, 10 - 13 e 15 - 19
 
chiuso dall’8 al 23 agosto
 
 
 
 
PRIVACY / COOKIE POLICY

Lucio Fontana
foto
Concetto spaziale. Trinità, 1966, idropittura su tela, bianco e legno laccato bianco, trittico / waterpaint on canvas, white and lacquered wood, triptych, 203 x 203 cm cad. / each
foto
Concetto spaziale. New York 14, 1962, alluminio con lacerazioni e graffiti / scratched and etched metal, 196 x 96 cm
foto
Concetto spaziale, 1953, olio e vetri su tela / oil and glass on canvas, 50 x 61 cm
foto
Concetto spaziale, 1957, olio e tecnica mista su tela / oil and mixed media on canvas, 64 x 54 cm
foto
Concetto spaziale. Teatrino, 1966, idropittura su tela blu e legno laccato blu scuro / waterpaint on canvas, blue and lacquered wood, dark blue, 143 x 166 cm
foto
Concetto spaziale. Teatrino, 1965, idropittura su tela nera e legno bianco laccato / waterpaint on canvas, black and lacquered wood, white, 178 x 192 cm
foto
Studio per “Apparizione del Sacro Cuore a Santa Margherita Alacocque", 1955, china nera su carta / black ink on paper, 28 x 22 cm
foto
Concetto spaziale, 1946, biro su carta / biro on paper, 20 x 27,5 cm
foto
Concetto spaziale, 1964-1965, buchi, graffiti, strappi e tempera nera su carta assorbente bianca / holes, graffiti, tears and black tempera on paper, 65 x 45 cm
foto
Disegno con fori, 1965 circa, biro nera su carta / black biro on paper, 36,5 x 45,5 cm
foto
Concetto spaziale. Teatrino, 1964-1966, china su carta / ink on paper, 37,5 x 30 cm
(Rosario, Santa Fé, 1899 - Comabbio 1968)

Dopo aver frequentato l’Accademia di Brera, aderisce dapprima al gruppo francese Abstraction-Création, poi nel 1935 al movimento degli Astrattisti Italiani. Nel 1946 a Buenos Aires stila il Manifiesto blanco, che segna l’inizio delle sue esperienze “spaziali”; l’anno seguente sottoscrive a Milano il primo manifesto del movimento spaziale. Al 1952 appartengono i primi “buchi” e le tele dipinte.
Nel 1958 appaiono i “tagli” nella tela cui seguono numerosi cicli di opere presentate in varie mostre in Italia e all’estero. Nel 1966 ottiene il Gran premio internazionale della pittura della Biennale di Venezia.
 
After attending the Accademia di Brera in Milan, Fontana joined the French Abstraction-Création group, then, in 1935, the Italian Abstract movement. He compiled the Manifiesto blanco in Buenos Aires in 1946, which marked the beginning of his work on “spatial concepts”. The following year he presented the First Manifesto of Spatialism. In 1952 he showed the first “holes” and painted canvasses. The cuts in the canvasses appeared in 1958, followed by numerous cycles of works shown in various galleries.

Principali collezioni pubbliche
Works in major public collections
Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Bergamo - Museo d’Arte Moderna, Bologna - Museo d’Arte di Gallarate - Museo del Novecento, Gallerie d’Italia, Milano - Museo d’arte contemporanea Donnaregina, Napoli - Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino - Louisiana Museum, Humlebaek - Kaiser Wilhelm Museum, Krefeld - Musée d’Art Moderne et Contemporain, Nizza - Musée National d’Art Moderne Centre Georges Pompidou, Parigi.